John McEnroe – L’empire de la perfection | ❝Doc Doc chi è? Una porta sulla realtà❞

LEmpire-de-la-Perfection-affiche-film

JOHN McENROE – L’IMPERO DELLA PERFEZIONE
John McEnroe – L’empire de la perfection di Julien Faraut (Francia, 2018)
documentario | durata 91 min.
con la voce narrante di Mathieu Amalric
con John McEnroe, Ivan Lendl
v.o. francese sottotitolata in italiano
rassegna ❝Doc Doc chi è? Una porta sulla realtà❞

agenda proiezioni – ANTEPRIMA NAZIONALE
martedì 19 marzo ore 21.30
sabato 23 marzo ore 19.00

la storia
Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece dal vero ciò che un campione faceva nel corso di una gara. Il soggetto prescelto fu John McEnroe.
In realtà le immagini che aprono il film sono legate allo sport ma suonano false, costruite, si potrebbe dire ‘in posa’. Quando entra in campo (sulla terra rossa del Roland Garros) John McEnroe le cose cambiano e le valenze di interpretazione aumentano. Perché la voce di Mathieu Amalric ci guida in un percorso complesso che ci riporta indietro nel tempo e non solo per la datazione degli incontri sostenuti dal tennista statunitense a Parigi. Come Godard vuole ci vengono proposte riflessioni sul ‘gesto’ del tennista che, supportate dalla presenza sulle tribune di uno dei più importanti redattori dei Cahiers du Cinèma, ci impongono riflessioni su una delle riviste di cinema che sono ancora in grado di influire sul lessico dei cinefili (francesi e francofoni soprattutto) con qualche eco che suona un po’ rètro.

riconoscimenti
Critics’ Choice Documentary Awards 2018 | miglior documentario su soggetto vivente John McEnroe
 Lisbon & Estoril Film Festival 2018 | gran premio della giuria a Julien Faraut

ingressi
intero 7,00€ | ridotto Arci Bologna 6,00€